Louis Siciliano è il miglior compositore dell’anno per la Federazione Italiana Cinema D’Essai


 
La premiazione ci sarà  il 13 ottobre 2010 ore 20,30 al Teatro Bibiena di Mantova

Con l’attenzione del mondo intero ancora viva, per la premiazione alla 67° Mostra del Cinema di Venezia quale migliore compositore dell’anno conferito da Cinecittà-Luce, Louis Siciliano, al momento a Los Angeles per un nuovo importante avvio con il mondo del cinema d’oltreoceano, riceverà un ulteriore, considerevole, riconoscimento dalla Federazione Italiana Cinema d’Essai.
Miglior compositore dell’anno” Louis Siciliano lo è, oggi, anche per la F.I.C.E.
A poche settimane di distanza dal Festival di Venezia, ancora un grande risultato per il M° Siciliano che bissa, così, il successo per i suoi componimenti.

Un’esclusiva sensibilità musicale, unita a rigore e capacità alta d’interpretazione delle storie e dei personaggi, caratterizzano le colonne sonore dei film musicati da Louis Siciliano. Per l’ultima composizione, che accompagna il film Venti sigarette a Nassirya, il M° Siciliano ha ottenuto, fra gli altri, i complimenti dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

Il disco prodotto da EMI “20 Sigarette” con le musiche composte, orchestrate, dirette ed eseguite da Louis Siciliano per il film di Aureliano Amadei, da solo è già un must, con i suoi 15 brani permeati da quella matrice musicale che è il rock desertico.
Compositore eclettico e poliedrico, già Nastro d’Argento al Festival del Cinema di Cannes, Louis Siciliano, ha collaborato con i maggiori registi italiani. Profondo conoscitore della musica classica e contemporanea, suona pianoforte, chitarre, organo hammond, sintetizzatori, basso e batteria, violino, violoncello e contrabbasso.

Note Biografiche

Louis Siciliano nasce a Napoli il 19 marzo 1975. È considerato una delle figure più eclettiche del panorama musicale italiano. La Poetica Musicale di questo compositore è tutta rivolta verso la Sintesi di varie tecniche di scrittura compositiva. Il suo personale linguaggio cerca di fondere il pensiero Occidentale con quello Orientale, la musica del Nord con quella del Sud. La sua musica recupera moduli e strumenti dei vari linguaggi musicali, integrati nell’ Orchestra Sinfonica o in una personale visione dell’Elettronica e della Computer Music, della quale il Compositore è stato un pioniere negli anni Novanta. Louis Siciliano è artefice di un nuovo modo di organizzare il Suono nello Spazio. Questa sua teoria è stata denominata SURROUND MUSIC COMPOSING e pone la Spazializzazione del Suono alla base dei concetti di Gesto e Figura. Nelle ultime composizioni, scritte appositamente per il suo ensemble LOU SIX JOURNEY, si evidenzia un rock eclettico e psichedelic. Ha prodotto, composto, orchestrato e mixato colonne sonore per registi quali Alessandro D’Alatri, Fabrizio Cattani, Mohsen Melliti, Enrico Oldoini, Maurizio Zaccaro, Alessandro Greco, Giorgio Arcelli Fontana, Alfredo Arciero, Francesco Costantini, Katrin Bohr, Alessandro Aronadio, Francesco Maria Dominedò, Aureliano Amadei, Salvatore Pisciscelli e Gabriele Salvatores.

Lascia un commento